Dietro questo progetto c'è un grande impegno

Il mondo cambia. Inevitabile. Spesso si tratta di una costante evoluzione, ma a volte avvengono cambiamenti repentini che disegnano in breve tempo nuovi scenari. L’immissione sul mercato dei veicoli elettrici comporta la a di nuove abitudini, nuove strutture, nuove esigenze. In un contesto così in evoluzione è importante stabilire dei punti di riferimento che guidino il cambiamento; in questo caso diventa attore principale la figura più preparata e quindi credibile. SCAME non ha esitato a proporsi per un contributo concreto, funzionale al raggiungimento di scelte sostenibili dal punto di vista tecnologico, economico ed ambientale. Un impegno considerevole, al quale ci si è dedicati volentieri per molti anni, per consegnare nelle mani degli automobilisti di domani strumenti pratici e sicuri.

Abbiamo costruito su buone idee

In Europa sono molti i tecnici che possono vantare esperienza e competenza, ma per sfruttare al meglio questo patrimonio era necessario coordinare il lavoro, incanalare le scelte, condividere gli obiettivi. SCAME, in accordo con altri costruttori, si è impegnata a garantire la conformità delle connessioni dell’alimentazione dei veicoli elettrici alle norme IEC/CENELEC. Il lavoro svolto ha permesso di definire uno standard europeo che assicura il più alto livello di sicurezza.

Ci siamo imposti una sola possibilità di scelta: Sicurezza Totale!

Le normative europee definiscono le casistiche possibili per la connessione dei veicoli elettrici alla fonte di alimentazione. Nell’ambito del lavoro di standardizzazione SCAME ha scelto di sviluppare i propri prodotti proponendo soluzioni originali e innovative in tema di sicurezza, che sono state apprezzate e portate a standard di riferimento a livello europeo. Si è vista così riconosciuta l’elevata competenza che SCAME ha maturato nello sviluppare la propria gamma di prodotti con spirito innovativo e capacità progettuale.

La nostra soluzione è semplice. Ed efficiente.
Iec/en/cei 61851-1 - 2° edizione: modi di ricarica

La norma di riferimento per le stazioni di carica dei veicoli elettrici prevede quattro modalità di carica:

Modo 1

connessione del VE alla rete di alimentazione in c.a. con connettori domestici fino a 16A, protezione differenziale 30mA classe A, a monte.

Modo 2

connessione del VE alla rete di alimentazione in c.a. con connettori domestici fino a 16A o industriali fino a 32A, protezione differenziale 30mA classe A a monte, dispositivo di controllo sul cavo.

Modo 3

connessione del VE alla rete alimentazione in c.a. con connettori dedicati, protezione differenziale 30mA classe A o B a monte, dispositivo di controllo nella stazione.

Modo 4

connessione del VE alla rete di alimentazione in d.c. con caricabatterie esterno.

Inoltre, a seconda del tipo di collegamento del cavo, sono previste tre casistiche:

Caso A

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

Caso B

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

Caso C

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

IEC/EN 62196-1 2° edizione
IEC/EN 62196-2 1° edizione:
connettori per Modo 3

Le norme di riferimento per i connettori dedicati al modo 3 prevedono quattro tipi di sistema:

Il panorama normativo è complesso

Nel contribuire a definire i nuovi standard SCAME ha messo la sua tecnologia al servizio del buon senso, con l’obiettivo di perseguire scelte progettuali pratiche e intelligenti.
Le scelte fatte nella definizione dei modi di connessione e nella progettazione delle relative apparecchiature hanno portato ad offrire prodotti semplici e sicuri.
Questo significa che le modalità di utilizzo sono perfettamente adeguate all’utenza, i costi di produzione sono contenuti e la sicurezza è garantita.


La connessione sviluppata da Scame

Modo di carica 3

Le stazioni di ricarica Scame utilizzano il modo di carica 3 in conformità alla norma IEC/EN 61851-1. Il modo di carica 3 consiste nel collegamento del veicolo alla rete di alimentazione in c.a. utilizzando connettori specifici e nella presenza di un circuito di controllo pilota all’interno della stazione per la verifica della continuità del conduttore di protezione tra il veicolo e la rete durante la carica.

Tale controllo è necessario per garantire il corretto funzionamento delle protezioni contro i contatti indiretti impedendo che nessuna tensione pericolosa possa scaricarsi attraverso il contatto accidentale con persone inconsapevoli; è obbligatorio in generale per veicoli con potenza superiore ai 3kW e, in Italia, per ambienti pubblici o privati aperti a terzi (vedi tabella). Il circuito di controllo provvede inoltre alla comunicazione tra la stazione ed il veicolo (Circuito PWM) ed alla identificazione della taglia del cavo (Resitor Coding).

Modo 3 circuito pwm (PULSE WIDTH MODULATION)

Il funzionamento del Circuito PWM è descritto nell’allegato A della norma IEC/EN 61851-1 e provvede alla comunicazione tra stazione di ricarica e veicolo elettrico: la stazione comunica al veicolo la disponibilità di rete attraverso un segnale modulato in frequenza, il veicolo adatta il carico restituendo il proprio stato attraverso un valore in tensione.

Modo 3 “semplificato”

Nel caso di veicoli sprovvisti di PWM, il circuito funziona in “modo semplificato” misurando il solo valore di resistenza di terra limitando la corrente di carica a 16A (10A in futuro).

Resistor coding

Il funzionamento del Resistor Coding è descritto nell’allegato informativo B. 5 della norma IEC/EN 61851-1 ed è obbligatorio, nel caso dei connettori tipo 3C, tipo 1 e tipo 2, quando è possibile cablare la spina con cavi di sezione e portata diversa. In funzione della portata viene inserita una resistenza tra il contatto PP e la terra il cui valore identifica la taglia del cavo. Il Circuito PWM provvede poi a controllare che la corrente di carica non sia superiore a quella massima prelevabile.

Marchio di qualità ZE READY

Lo ZE READY è un marchio di qualità di proprietà Renault che garantisce la piena compatibilità dell’infrastruttura di carica con i veicoli ZE Renault. La sua presenza garantisce inoltre che le stazioni, e le sue installazioni, sono realizzate in conformità con i requisiti specifici prodotti dai membri del workshop ZE Ready che anticipano le prossime norme e regolamenti in materia di ricarica dei veicoli elettrici al fine di garantirne sicurezza e prestazioni. ZE READY è un marchio concesso da Renault ai partner accreditati. Il diritto di utilizzo del marchio è dato solo alle società che hanno il controllo sul prodotto e sulla sua installazione. Le stazioni Scame sono state testate ed accreditate della conformità ai requisiti ZE READY 1.2, pertanto ogni installatore che ne volesse certificare la conformità può diventare partner di Scame. Per ulteriori informazioni sui prodotti Scame, sul processo di certificazione e per diventare partner, potete contattare Scame all’indirizzo: ecomobility@scame.com

Per la componente software abbiamo lavorato duro

Le stazioni di ricarica Scame sono equipaggiate con una scheda di controllo, sviluppata in collaborazione con il nostro partner GENERALE SISTEMI, che fornisce le funzioni base quali il circuito PWM, il resistor coding, la misurazione dell'energia, il riconoscimento utente RFID, le spie di segnalazione e la comunicazione seriale RS485.
A seconda delle versioni le eventuali funzioni aggiuntive quali l'alimentazione d’emergenza, la gestione dei display, il comando dei blocchi anti-estrazione e delle luci sono fornite da un apposito modulo di espansione.